Dragon*WiseGuys.co.uk is your one stop myspace resource Vi lascio delle descrizioni di alcune band che hanno fatto la storia della musica internazionale. Spero di aver fatto cosa gradita a tutti i FANS della musica, buon divertimento. Alla vostra Dex. trovate alcuni Player, buona ascolto. N.B. Informazioni tratte da Wikipedia, dai miei account nel web ( player e video ) e da vari siti.

STEVEN DOES:Electronica/Dance / Post Punk / Glam


PANGAEA%27S%20PEOPLE%20%28Global%20Arts%20Network%29Quantcast

http://www.stereofame.com/wolfangomusicfans/

You Tube Player

My Video

Watch videos at Vodpod and more of my videos

martedì 11 agosto 2009

Whitesnake

Photobucket I Whitesnake sono un gruppo musicale hard & heavy[9][10] fondato nel 1977 a Londra, Regno Unito.
Nati nel 1977, furono il progetto musicale di David Coverdale allo scopo di creare un sound originale nel panorama del rock e nel contempo di realizzare appieno le idee musicali del carismatico e dotato vocalist ex Deep Purple, vero ed unico filo conduttore di tutte le intuizioni e composizioni, con una band di eccellenza alle sue dipendenze, reclutata da lui stesso di volta in volta.
Coverdale richiamò a sé in varie fasi dell'origine e fondazione dei Whitesnake diversi membri dei Deep Purple, fatta eccezione per il suo antagonista Ritchie Blackmore. Persuasi dal suo ambizioso progetto gli ex Purple e numerosi altri strumentisti di primordine si adattarono al ruolo di comprimari dietro alla verve compositiva e di front-man di Coverdale. Tra il 1978 e il 1982 vi troviamo Jon Lord e Ian Paice (ex Deep Purple) e Cozy Powell (ex Rainbow). Anche Glenn Hughes, bassista insieme a Coverdale nei Deep Purple, apparirà sull'album Slip of the Tongue nei cori. Tre sono i brani dei Whitesnake del primo periodo che verranno modificati e riproposti in chiave decisamente "heavy" alla fine degli anni '80 con nuovi innesti nella formazione. Si tratta di Here I Go Again e Crying in the Rain da Saints and Sinners riproposte in 1987 e Fool for your Loving da Ready an' Willing riproposta in Slip of the Tongue.

Nessun commento:

Posta un commento